Mastri Birrai: “L’entusiasmo di un progetto!”

1
Iniziamo qui, insieme a Michele Sensidoni, Mastro Birraio presso Mastri Birrai Umbri un percorso alla scoperta di questo birrificio, per raccontarvi la storia, e, come lui stesso ci dice: “ presentarvi i nostri progetti e provare a trasmettervi tutta la passione che mettiamo nel nostro lavoro: produrre birra di qualità!”

2

Marco Farchioni ideatore e realizzatore del progetto birra in casa Farchioni

“L’idea della realizzazione di un birrificio artigianale in Umbria è nato circa tre anni fa, quando Marco Farchioni, discendente della nota famiglia Farchioni, alla guida dell’omonimo gruppo alimentare di Giano dell’Umbria, ha intuito che nella sua azienda e nel suo territorio erano già presenti tutte le risorse e le sinergie per far partire il progetto birra.

3
Già da tempo infatti Marco e la sua famiglia producevano l’ingrediente principe della birra, l’orzo, che però da anni ormai non era più remunerativo, e si chiedevano come poter valorizzare la loro produzione cerealicola, la risposta che trovarono fu di trasformare una materia prima semplice, povera in qualcosa di nobile e genuino: una Birra d’eccellenza!
4
“Nel 2010 l’incontro con il CERB, Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra, ed il sottoscritto birraio”, ci dice ancora Michele Sensidoni, “ha impresso la spinta definitiva alla realizzazione del birrificio. Per prima cosa abbiamo creato un piccolo impianto di produzione, al solo scopo di sperimentare nuove ricette di birra, che rispettassero l’arte brassicola più tradizionale e mantenessero intatti i sapori originali delle materie prime. Tutte le nostre birre infatti non fanno uso di additivi o conservanti e non vengono né filtrate né pastorizzate, garantendo a chi le gusta di versare nel bicchiere un prodotto vivo e naturale. “

5

La nostra sala cottura

“Con l’avanzare delle prove e della ricerca di un gusto originale, la possibilità di sperimentare ci ha preso decisamente la mano e abbiamo deciso di imprimere alle nostre birre un carattere inconfondibilmente umbro grazie all’utilizzo del Farro, della Cicerchia e della Lenticchia, tutti prodotti dalla nostra terra.”

6

Lievito pronto a fermentare il nostro mosto

“Ogni nuova ricetta, ogni birra prodotta nel nostro impianto in miniatura di allora, è stata assaggiata e riassaggiata, modificata e affinata fino ad ottenere il gusto che avevamo in mente: delicato, equilibrato e rustico al tempo stesso.”

7

La nostra cantina di fermentazione dove il mosto si trasforma in birra grazie ai lieviti

“Il nostro entusiasmo era alle stelle!”, ci racconta ancora Michele Sensidoni, “ Avevamo creato qualcosa di buono e di nuovo, era arrivato secondo tutti noi il momento di far conoscere le nostre birre. La nostra prima -uscita ufficiale- è avvenuta al Vinitaly 2011, una vetrina importante e internazionale. Certo eravamo sicuri della bontà del progetto e della passione che avevamo messo nelle nostre ricette, ma non ci aspettavamo da subito un riscontro così positivo! La nostra birra Rossa Cotta 37 ha vinto il Premio Agrifood Club ed è stata riconosciuta tra i migliori prodotti della manifestazione.”
8
“Arrivati all’estate del 2011 tutto era pronto per patire alla grande: una modernissima sala cottura arrivata direttamente dalla Germania è stata installata e messa in funzione a tempo di record, lavorando giorno e notte e alla fine di Luglio le prime birre prodotte erano già imbottigliate e pronte per lasciare il birrificio. Da quel momento il nuovo birrificio e i suoi Mastri Birrai Umbri non hanno mai smesso di macinare malto e di aggiungere luppoli e lieviti, producendo nel 2012 circa 1.200.000 bottiglie, che hanno anche varcato i confini Italiani, arrivando in Inghilterra, U.S.A., Brasile, Austria, Svizzera, Olanda, Croazia…e ancora oltre!”

Mastri Birrai Umbri (www.mastribirraiumbri.it) Via B. Buozzi, 10 – Giano dell’Umbria 06030 Perugia (google map)

progetto_button

Leave a Reply