Santo Iolo in Giappone

Santo Iolo: “In Giappone!”

– Felici di esserci – Con un po’ di ritardo pubblichiamo alcune immagini del viaggio che Alessandra, Pietro, Livia e Irene Ducoli (Santo Iolo al completo !)hanno fatto in Giappone nello scorso aprile. Un viaggio di piacere ed un approfondimento professionale. Con questo viaggio i Ducoli celebravano un’importante ricorrenza di famiglia e così, trascinati dalla curiosità per una cultura tanto diversa e dall’entusiasmo di avere il loro vino distribuito in Giappone la scelta della meta è stata semplice! I racconti al ritorno sono stati tanti e pieni di emozione. Irene, la più giovane delle due figlie, si è appena laureata
Continua a leggere...

Santo Iolo: “I nostri viaggi enologici, Pantelleria!”

Oggi Alessandra Buffetti, che insieme a suo marito conduce la cantina Santoiolo, non ci parla di sé e della propria cantina. Con lei facciamo un viaggio ricordando le recenti “vacanze enologiche” a Pantelleria. “I muretti di nera pietra lavica, di cui Pantelleria è disseminata nei suoi terrazzamenti, sono un’opera architettonica di cui non si parla spesso. Eppure, riassumono in sé tecnica costruttiva, ingegneria del suolo, sfruttamento ottimale di acqua, sole e vento e grande valenza estetica. Imprimono forte caratterizzazione a tutta l’isola, che appare, fin dal primo colpo d’occhio dall’aereo, come una colossale scultura posizionata nel mare sconfinato. Dominica e
Continua a leggere...

Santo Iolo: “Anno Domini 168”

“Mi chiamo Caius Julius Popilius, e un giorno del mese di maggio, partito da Roma e viaggiando lungo la via Flaminia, mi sono fermato nella bella Ocriculum, sulle sponde del Tevere. Entrato nella porta della città, sono giunto ad un imponente Anfiteatro, dove alcuni gladiatori si allenavano tra urla indescrivibili. Sono entrato poi nelle Terme di Julius Julianus, dal meraviglioso pavimento in mosaico, quindi, affamato, mi sono fermato nella taverna Tiber, lungo il fiume Tevere. Ho gustato formaggio fresco dei pastori, vino rosso dolce e potente e focaccia con l’olio della vicina Sabina, che qui giunge abbondante per essere imbarcato
Continua a leggere...